confini

17 02 2010

Ascoltami, le persone colte le cogli subito dalle parole. Narrano le loro infinite storie ricolme di personaggi, di città, di episodi burleschi e noiosi. Noi siamo diversi. Ci rannicchiamo sotto un tetto per intere giornate senza emettere un sospiro, senza vedere nessuno. Le nostre parole sono silenziose. Eppure siamo in grado di esprimere spazi che nessun altro potrà mai vedere. Il nostro cibo è l’immaginazione, Il nostro confine il pensiero. Non abbiamo episodi da raccontare, non abbiamo persone da incontrare. La nostra assenza è un respiro negli occhi di chi ci guarda. Noi siamo l’universo dentro al quale ci ripariamo. 

 
 

  

 
 

 

Annunci

Azioni

Informazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: