estate

14 11 2011

fermati, prima che sia lo stomaco ancora rigoglioso dell’ estate a importi circostanze nell’eco remoto ma già plausibile, ectoplasmatica presenza, di foglie che perdono aderenza verde.

fermati, anche se mancano fiori all’ appello e radici mai piantate e terra che avrebbe potuto tanto, non importa, fallo adesso .

fermati perché nel dischiudersi di variabili sta scadendo la stagione. non hai il tempo per non capire, lo avevi ieri, tra il disincanto e l’ ostinazione di aver trovato, quando contava solo il rosso declinato in ogni sua possibilità.

fermati su erba  macchiata di inchiostro e scarti di tempo, tra improbabili vertigini, dove lottano sogno e baratro o nel mezzo di un sogno fratturato. scegli il luogo ma non danzare con istanti preziosi, scegli il luogo e fermati. ora.

fermati e non fare che sia solo colpa dell’ estate.

Annunci

Azioni

Informazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: